Martin-2.jpg

E’ ARRIVATO IL NUOVO CUCCIOLO

Prima di adottare un cucciolo o un gattino il buon proprietario si pone alcune domande:

  1. Avrò il tempo necessario da dedicare all’animale in relazione alle sue esigente etologiche di specie?
  2. Sono disposto a spendere il necessario per la prevenzione e la cura delle sue malattie e mi sono informato su quanto costa tutto ciò?
  3. Mi sono informato correttamente presso un medico veterinario sulle caratteristiche comportamentali e sulle esigenze fisiche della razza che ho deciso di adottare?
  4. Ho ben in mente che questo animale vivrà con me almeno una quindicina di anni? Se devo cambiare casa, se mi sposo, se devo andare via per lavoro, posso portarlo con me o trovargli una giusta sistemazione?



COME GESTIRE IL NUOVO CUCCIOLO

Appena il nuovo cucciolo arriva a casa, impostate subito poche regole chiare:

  1. Istituite un luogo di riposo in cui invitarlo a stare, quando voi siete impegnati in altre faccende; se la casa è grande, potete mettere una cuccia in zona notte ed una in zona giorno; invitate spesso il cucciolo ad andare a riposare a cuccia e premiatelo con la voce quando ci va spontaneamente . Evitate che vada sui divani o sui letti.
  2. Portatelo fuori per i bisogni durante il giorno ogni ora e sempre nello stesso posto vicino a casa ( un’aiuola, un albero, un pezzo di terra); premiatelo con la voce quando urina o defeca, poi rientrate. Non sgridate il cucciolo se sporca in casa, soprattutto nei primi giorni. Ricordate che il cucciolo urina 15-20 volte al giorno e defeca da 3 a 6 volte a seconda dell’alimento e della quantità di acqua assunti. Evitate di utilizzare traverse o pannoloni, perché il cucciolo, se si abitua a substrati morbidi in casa, tenderà poi ad urinare su tappeti e stuoini di casa.
  3. Scegliete un luogo di alimentazione e somministrate il cibo ad orari fissi; non date cibo fuori pasto, ad eccezione di premi offerti come ricompensa ad esercizi. Quando siete a tavola, non date cibo al cane e non rivolgetegli attenzioni; in pochi giorni se ne starà tranquillo vicino a voi o nella sua cuccia, senza disturbare.
  4. Decidete un luogo per la toelettatura ( un tavolino rialzato, una coperta per terra,ecc..) ed ogni giorno spazzolate il cucciolo, pulite occhi ed orecchie, controllate le unghie. Il cucciolo si abituerà ad essere manipolato e toccato in ogni parte del corpo senza avere paura; non eseguite mai queste procedure quando è nella sua cuccia: essa è solo un luogo di riposo.
  5. Decidete voi quando giocare e quando portarlo in passeggiata: l’iniziativa dei contatti, dei giochi e delle passeggiate deve partire sempre da voi, perché agli occhi del vostro cane dovete essere voi a controllare la situazione.
  6. Se avete dei bambini, insegnate loro a rispettare il cane quando è nella sua cuccia: essa è un rifugio per il cane e nessuno lo deve disturbare per nessuna ragione; se i bambini vogliono giocare con lui mentre è nella cuccia, lo chiamano e lo accarezzano solo se il cane spontaneamente va da loro.
  7. L’interazione tra cane e bambini deve sempre essere controllata da un adulto: non fidatevi mai, anche se il vostro animale vi sembra molto tranquillo.
  8. Alcune razze sono molto reattive per selezione: i cani di razze da presa ( pitbull, amstaff, ecc..) sono molto più reattivi agli stimoli rispetto ad altre e, vista la morfologia della loro testa e del loro corpo, eventuali morsi hanno conseguenze molto più gravi di quello di altre razze canine.

 

(Si ringrazia Assovet)

Scarica il manuale