Intro_2.jpg

Cane anziano2L’invecchiamento si associa a una disregolazione del calcio intracellulare e può correlarsi alla sindrome della disfunzione cognitiva nel cane. Uno studio ha esaminato l’efficacia dell’apoaequorina, una proteina legante il calcio, nella modificazione del declino cognitivo dei Beagle anziani in due studi separati.

Nel primo studio, 23 Beagle anziani venivano separati in gruppi e trattati con placebo oppure 2,5 mg o 5 mg di apoaequorina e si valutata l’apprendimento discriminatorio, l’attenzione e la memoria visuo-spaziale. I soggetti trattati con apoaequorina mostravano un miglioramento delle prestazioni nei test sia di apprendimento discriminatorio sia di attenzione ma non differivano dai controlli per i test di memoria spaziale. 

Nel secondo studio, si confrontavano 24 cani trattati con 5 mg o 10 mg di apoaequorina oppure con 1 mg di selegilina, trattamento approvato per la disfunzione cognitiva. Il gruppo che riceveva 10 mg di apoaequorina mostrava prestazioni superiori in entrambi i test rispetto al gruppo che riceveva selegilina.

I risultati suggeriscono che la proteina legante il calcio apoaequorina può avere effetti benefici nel trattamento della disfunzione cognitiva dei Beagle anziani e che il beneficio è almeno pari a quello della selegilina, concludono gli autori.

e.v.

... e nell'uomo? ......