Intro_2.jpg

orecchie-tagliate-cane-copiaCertificazioni per cani con amputazioni alle esposizioni canine

Grazie alla collaborazione dell'ENCI inizia ora la fase di verifica per contrastare tutte le attività dei medici veterinari che non rispettano le prescrizioni di legge, del codice deontologico e dei protocolli clinico chirurgici. Ad una prima lettura sono già stati evidenziati anche certificati redatti e firmati da falsi medici veterinari sui quali la Fnovi interverrà a tutela della professione.

Come anticipato la viceprensidente Fnovi Carla Bernasconi ha incontrato giovedì scorso i vertici di ENCI per la verifica dei certificati veterinari esibiti nell'ambito di esposizioni cinofile in Italia per i cani con L'Enci , dimostrando grande disponibilità , ha consegnato un cospicuo numero di certificati che saranno analizzati nei prossimi giorni con la finalità di evidenziare le irregolarità e procedere nelle opportune sedi. 
Come noto la Fnovi fin dal momento della pubblicazione della Legge di Ratifica della Convenzione di Strasburgo aveva iniziato un'attività di informazione e supporto per i medici veterinari producendo anche le linee guida per l'applicazione dell'Art.10, sottolineando le responsabilità penali e deontologiche dei professionisti. Grazie alla collaborazione dell'ENCI inizia ora la fase di verifica per contrastare tutte le attività dei medici veterinari che non rispettano le prescrizioni di legge, del codice deontologico e dei protocolli clinico chirurgici. 
Ad una prima lettura sono già stati evidenziati anche certificati redatti e firmati da falsi medici veterinari sui quali la Fnovi interverrà a tutela della professione.

autore: Ufficio stampa Fnovi